I Nostri Prodotti


Non sai cosa scegliere ? Leggi le nostre info !


L'osmosi inversa, detta anche iperfiltrazione, è il processo in cui si forza il passaggio delle molecole di solvente dalla soluzione più concentrata alla soluzione meno concentrata ottenuto applicando alla soluzione più concentrata una pressione maggiore della pressione osmotica.

In pratica, l'osmosi inversa viene realizzata con una membrana che trattiene il soluto da una parte impedendone il passaggio e permette di ricavare il solvente puro dall'altra.
Questo fenomeno non è spontaneo e richiede il compimento di un lavoro meccanico pari a quello necessario per annullare l'effetto della pressione osmotica.

Quali sono i suoi benefici ?
Tale processo rappresenta la più fine tecnica di filtrazione dell'acqua, in quanto non consiste semplicemente in un ostacolo fisico (determinato dalle dimensioni dei pori) al passaggio delle molecole, ma sfrutta la diversa affinità chimica delle specie con la membrana, permettendo infatti il passaggio delle molecole idrofile (o water-like), cioè chimicamente simili all'acqua (es. gli alcoli a catena corta).
Nel processo di osmosi inversa vengono usate membrane composite di sottili pellicole (TFC o TFM, Thin Film Composite Membrane). Queste membrane sono semipermeabili e fabbricate principalmente per l'uso nella depurazione delle acque o in sistemi di desalinizzazione. Hanno anche utilizzi in applicazioni chimiche come le batterie e le pile a combustibile. In sostanza un materiale TFC è un setaccio molecolare costruito nella forma di una pellicola di due o più materiali stratificati.

Un addolcimento è uno strumento atto ad addolcire l’acqua, ovvero a diminuirne la durezza, termine con cui si indica la concentrazione di sali di calcio e magnesio che precipitando formano le incrostazioni di calcare sulle superfici. La maggior parte degli addolcitori sfrutta lo scambio degli ioni di calcio e magnesio con ioni di sodio facendo fluire l’acqua da addolcire su un letto di resina a scambio ionico.
Tale resina è spesso un polimero di stirene e divinilbenzene che reca dei gruppi solfonato SO3- sulla propria struttura. I gruppi solfonato sono legati a ioni di sodio Na+ che vengono scambiati con gli ioni calcio e magnesio presenti nell’acqua. Tali resine vengono successivamente rigenerate per trattamento con salamoia (ovvero acqua salata per cloruro di sodio) concentrata, che ripristina gli ioni sodio sulla superficie della resina.
Esistono inoltre addolcitori che fanno ricorso all’osmosi inversa.
In acque industriali, dove è necessario prevenire la formazione di incrostazioni di calcare, è inoltre possibile fare ricorso ad agenti chelanti, capaci di legarsi chimicamente agli ioni di calcio e magnesio impedendo loro di precipitare in forma solida. Tali chelanti vengono aggiunti anche ai detersivi in qualità di additivi.

L’addolcimento tramite metodo calce-soda sfrutta appunto la calce spenta e la soda Solvay quali reagenti. La calce provoca reazioni del tipo
Ca(HCO3)2 + Ca(OH)2 → 2CaCO3 + 2H2O
Mg(HCO3)2 + Ca(OH)2 → CaCO3 + Mg(OH)2 + H2O + CO2
MgSO4 + Ca(OH)2 → Mg(OH)2 + CaSO4
mentre la soda trasforma in carbonati insolubili i sali di calcio.

La differenza tra una tubazione trattata ed una tubazione non trattata è davvero notevole !

Volete davvero mettere a rischio la vostra salute ?

La microfiltrazione è un processo di filtrazione che rimuove le particelle solide da un fluido o da un gas facendolo passare attraverso una membrana microporosa. Tipicamente il diametro dei pori di queste membrane va dai 0,1 ai 10 µm. Si tratta di un processo molto simile a quelli di osmosi inversa, ultrafiltrazione e nanofiltrazione da cui differisce quasi esclusivamente per le dimensioni delle particelle trattenute.
Viene utilizzata principalmente nei processi di potabilizzazione dell'acqua per la rimozione dei batteri patogeni, e nell'industria alimentare per eliminare sostanze indesiderate da prodotti liquidi come vino o latte che ne possono causare il deperimento. Può essere usata anche negli impianti di trattamento delle acque reflue come trattamento finale per depurare completamente l'effluente chiarificato.

Alla microfiltrazione dell'acqua a volte si aggiungono scaglie di rame o argento microforate, essendo tali metalli antibatterici naturali e si antepone un processo di prefiltrazione articolata, basato sull'uso di principi attivi naturali (carboni attivi vegetali) capaci di raccogliere e trattenere a lungo sedimenti, cloro ed altre sostanze inquinanti.

Quali sono i suoi benefici ?
Ottenere la totale "stabilità" microbiologica e bloccare per mezzo di membrane, in genere con un diametro dei pori inferiore o uguale a 0,5 µm (micrometri), i microrganismi e tutte le sostanze nocive al nostro organismo.

"L'acqua è il principio di tutte le cose. Da qualche tempo anche dei tumori". (Greenpeace).

La vita si sviluppa, si conserva e si perpetua sempre in presenza di acqua. Il 70% circa della superficie terrestre è sommersa dalle acque e approssimativamente il 70 % del corpo umano è costituito di acqua. Il sangue, linfa vitale, è costituito per oltre il 50% d'acqua. Nel corso delle 24 ore circolano nel nostro cervello 1400 litri di sangue, nello stesso arco di tempo nei reni ne passano 2000 litri.
L'acqua pervade ogni singola cellula nel nostro corpo e rende possibile la comunicazione tra i vari tessuti cellulari. Regola tutte le funzioni dell'organismo, quelle strutturali, digerenti, metaboliche e cardiocircolatorie. Ha inoltre il ruolo di solvente, veicolo di sostanze nutritive e agente depurativo, favorendo la rimozione delle scorie ed elimina i residui prodotti dal metabolismo, mantiene la pressione osmotica nelle cellule e regola la temperatura corporea.

E' ovvio che l'acqua, così come può essere fonte di vita, se è inquinata da veleni o sostanze cancerogene può compromettere irrimediabilmente la nostra salute. L'acqua che si beve, quindi, dovrebbe essere acqua pura, assolutamente priva di qualsiasi sostanza che possa essere dannosa per la salute. Questo purtroppo avviene solo in casi molto rari, e praticamente quasi ogni giorno gli organi di informazione danno notizie dei veleni riscontrati nelle acque, non solo in quelle potabili ma anche in quelle minerali.

Filtrazioni meccaniche

Il processo di filtrazione serve per la rimozione dei solidi in sospensione presenti nelle acque grezze o all'uscita dello stadio di decantazione di impianti chimico-fisici. La filtrazione viene eseguita tramite filtri a pressione, che permettono a differenza di quelli a gravità, grosse portate di flusso. I riempimenti più utilizzati per i letti filtranti sono quarzo, antracite, zeolite e carbone attivo in granuli, gli stessi vengono scelti in base alle caratteristiche delle acque da trattare. Per le così dette filtrazioni meccaniche vengono utilizzate quarzite, antracite, zeolite.

Filtrazioni assorbenti

Un corpo solido a contatto con una soluzione tende ad accumulare uno strato di molecole solute sulla sua superficie a causa del debole legame chimico tra la molecola e la superficie porosa della particella solida; il fenomeno è conosciuto come filtrazione ad adsorbimento. Le nostre filtrazioni che utilizzano il carbone attivo granulare, serie tecnica sono in grado di compiere questa azione mostrando una notevole affinità per i composti organici dovuta alla superficie estremamente ampia ottenuta dal processo di attivazione del vapore. Le capacità di adsorbimento degli impianti di filtrazione che utilizzano il carbone attivo granulare serie tecnica, sono impiegate per eliminare tracce di inquinanti dall'acqua. Queste sostanze chimiche includono olii, tensioattivi, fenoli, cloruri, pigmenti, solventi organici e sostanze organiche in genere.


Filtrazioni chelanti con rimozione dei metalli pesanti

Lo scambio ionico avviene in reazioni reversibili tra gruppi funzionali legati ad una matrice polimera inerte "la resina" e gli ioni presenti nella soluzione a contatto con il solido. L'impiego di un'unità di polishing o filtrazione a resine chelanti, è previsto quando la qualità dell'acqua generata dagli impianti di depurazione chimico fisici contengano delle piccole percentuali di metalli minando la sicurezza del rispetto degli scarichi tabellari vigenti nel processo di depurazione. Questa particolare condizione viene risolta con l'utilizzo di resine chelanti con scale di selettività ben definite e vagliate a seconda della tipologia di lavorazione rilevata. Pentacque propone questi impianti di filtrazione utilizzando resine specifiche con capacità di rimuovere le tracce residue di ioni a valle degli impianti con versioni completamente automatiche. Questo passaggio di acqua continua fino a quando nello scomparto con la soluzione salina si raggiunge una certa pressione idrostatica che equilibra il sistema. Questa pressione è detta pressione osmotica della soluzione.

Filtri deferizzatori

Il ferro può essere presente nell'acqua in forma disciolta oppure come precipitato in sospensione. La deferrizzazione delle acque non comporta particolari problemi, può infatti essere effettuata mediante una normale filtrazione meccanica (filtri meccanici, filtri a sabbia). La rimozione del ferro presente in forma disciolta, normalmente sotto forma di ione ferroso, deve comportare innanzitutto la sua ossidazione a ione ferrico, quindi la sua precipitazione e finalmente dopo aver ottenuto la forma in sospensione si procede alla sua filtrazione meccanica. Dal punto di vista chimico il ferro disciolto, sotto forma di Fe++, deve essere trasformato mediante ossidazione, in Fe+++. Il Processo di deferrizzazione chimica tramite ossidazione, può avvenire grazie al dosaggio di ossidanti prima della filtrazione, tramite forti insufflazioni di aria, o grazie all'utilizzo di materiali filtranti come la zeolite al manganese. Quest'ultimo processo si ottiene con il passaggio dell' acqua da deferrizzare attraverso uno speciale letto filtrante, in grado di effettuare entrambi i processi di ossidazione e di filtrazione.

La sterilizzazione consiste in qualsiasi processo chimico o fisico che porti all'eliminazione di ogni forma microbica vivente, sia patogena che non, comprese le spore e i funghi. Un materiale è considerato sterile se il SAL (livello di sicurezza di sterilità) è inferiore a 10−6; ovvero quando la probabilità di trovarvi un microrganismo è inferiore ad uno su un milione.

La refrigerazione è il processo finalizzato all'abbassamento della temperatura dell'acqua al di sotto della temperatura ambiente.

Quali sono i suoi benefici ?
Possibilità di avere la vostra acqua, precedentemente purificata, refrigerata in qualunque periodo dell'anno con dei costi contenuti.

La gasazione è un processo rapido e sicuro che permette di poter godere di acqua gasata in qualunque momento della giornata, senza inutili attese e con un acqua sicura e pulita.

Grazie al nostro personale altamente qualificato, la Water Solution si occupa della creazione, posa e manutezioni di impianti di engineering per piccole e grandi aziende, ed industrie.

LA LEGISLAZIONE

Decreto Legislativo n. 31 del 02/02/2001 Attuazione della direttiva 98/83CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano leggi il PDF
L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

Se per allungare la vita del nostro ferro da stiro non esitiamo ad usare dell'acqua distillata, come ci dovremmo comportare per proteggere il nostro organismo ?

Scopri l'importanza dell'acqua !